INTERVISTA A STEFANO CHIODINI

Oggi intervistiamo un regista, Stefano Chiodini.

 

1)  CARO Stefano Chiodini, raccontaci di te?

 

Mi chiamo Stefano Chiodini, sono toscano e sono un regista. Ho fatti molti cortometraggi che hanno vinto numerosi premi importati e adesso sto cercando di realizzare il mio primo lungometraggio.

 

2) Qual era uno dei tuoi più grandi sogni da bambino?

 

Ero molto attratto dalle immagini. Fotografie, quadri, disegni, televisione, film. Uno dei miei sogni era quello di trovare un lavoro che avesse a che fare con le immagini. Ci sono riuscito!

3) Ti reputi un genio, o quantomeno intelligente?

 

Mi reputo una persona comune con sogni e ambizioni, come molte altre.

4) Qual è l’epoca in cui avresti voluto vivere?

 

Mi sarebbe piaciuto vivere a fine 800 o inizi 900.

5)Quali sono i tuoi 3 personaggi famosi preferiti?

 

Federico Fellini, Caravaggio, Lewis Carroll… ma è difficile sceglierne solo tre.

 

6) Il Tuo LIBRO PREFERITO l?

 

Ce ne sono molti, sarebbe difficile sceglierne uno.

 

7) Il Tuo FILM PREFERITO?

 

Anche qui ce ne sono molti, sarebbe difficile sceglierne uno… ci sono i film di Jane Campion, Fellini, Kubrick, De Sica, Sally Potter, Steven Spielberg… impossibile fare una lista breve.

 

8) Il Tuo MOTTO?

 

Vivi e lascia vivere.

 

9) Racconta Il CINEMA?

 

Il cinema è quell’arte che comprende in se tutte quante le altre arti. In un film convincono scrittura, fotografia, architettura, musica e molte altre arti.

10)Cos’è secondo te la felicità?

 

Trovare il proprio equilibrio nella vita.

 

11) Cos’è il passato, cos’è il presente, cos’è il futuro?

 

Il passato è una certezza. Il presente è presente. Il futuro è un’incognita.

12) l tuo miglior pregio?

 

La pazienza.

13) Chi ti ha ispirato nella tua carriera?

 

In realtà non ho una persona in particolare che mi ha fatto amare il cinema. Diciamo che è stata una scelta un po’ fuori dagli schemi. Nessuno nella mia famiglia si occupa di spettacolo. Se ti riferisci a registi o attori passati… beh, anche qui ti devo dire che non c’è una persona in particolare. Diciamo che la mia ispirazione è IL CINEMA in se.

14) LA PRIMA COSA CHE PENSI ALLA MATTINA QUANDO TI SVEGLI?

 

Dipende dal momento storico della mia vita. Se sono in un periodo positivo inizio la giornata pieno di speranza e voglia di fare. Se è un periodo meno positivo… beh, questo influisce molto sul mio umore al risveglio… come per tutti.

 

15) UANDO È STATA L’ULTIMA VOLTA CHE hai girato un cortometraggio?

Ultimamente mi sono dedicato molto alla scrittura in attesa di fare il mio primo lungometraggio. L’ultimo lavoro realizzato è un cortometraggio/documentario per Telethon sulla storia di Stefano Mele.

16) IL BICCHIERE È MEZZO PIENO O MEZZO VUOTO?

 

Sempre stato mezzo pieno. Ceco di essere sempre positivo.

17) CHE LIBRO STAI LEGGENDO ATTUALMENTE?

 

La biografia di Vivian Meier, una fotografa degli anni cinquanta con una storia molto particolare sulla sua vita e la sua arte.

 

18) Parlaci della Basilicata?

 

Purtroppo conosco poco della Basilicata. Girando il documentario per la Telehon però ho avuto modo di visitare e conoscere il paese di Calvello e sono rimasto veramente colpito dalla sua bellezza e dalla sua ospitalità.

19) IL MIGLIOR SENTIMENTO DEL MONDO?

 

La gentilezza.

20) QUAL È LA PAROLA O FRASE CHE DICI PIU SPESSO?

Credo che sia un tipico intercalare toscano: “Maremma!”. Lo metto ovunque.

21) Parlaci della tua Toscana?

La Toscana è la mia casa e non posso fare a meno di essere campanilista. La amo e trovo che sia una delle regioni più belle al mondo.

22) Girerai un film?

Spero di si! Sto lavorando ad un progetto top secret e spero che si concretizzi.

23) Tua esperienza di Telethon, come è stata?

Molto, molto bella. È stata un’esperienza umana più che professionale. Mi ha insegnato molto e fatto conoscere persone straordinarie che ricorderò sempre con grande affetto e stima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *